L’ARTE DI TOM SACHS

1 mostra non basta: 3 mostre simultanee in Korea



Tom Sachs, noto nello sneakers system per le sue Mars Yard in collabo con Nike, è anche e soprattutto un artista contemporaneo americano. Il 22 Giugno ha inaugurato 3 mostre in contemporanea nella Korea del Sud.

Queste sono incentrate sullo spazio, il consumismo che come afferma Sachs è la base della religione che domina la nostra società, la musica e il metaverso.



La prima exhibition “Rocket Factory Paintings” al Thaddaeus Ropac Seoul è fino al 20 Agosto e ospita un progetto NFT dove sono stati riconfigurati 30 NFT di brand, tra cui Lisa Simpson, Brian Griffin, NASA, 7-Eleven, in opere d’arte. Da semplici disegni su Ipad sono stati riprodotti in sculture fisiche proprio nel suo studio a Manhattan. Nella mostra l’artista porta una serie di 14 dipinti che sono ispirati da alcune opere d’arte raffigurate dal missile NFT create dalla comunità globale.


La seconda, “Boombox Retrospective”, è in mostra all’ HYBE INSIGHT fino all’11 Settembre e sono presenti 13 opere realizzate con la tecnica del bricolage e tutte incentrate sul boombox, il mangiacassette americano che ha animato le strade del bronks degli anni 80 .


E infine la terza e ultima esposizione fino al 7 Agosto, “Space Program: Indottrination”, è una mostra che ha luogo nell’Art Sonje Center e presenta il suo interesse per la cultura del “fai-da-te”. Ogni scultura può essere vista come un avvicinamento alla Terra, all’esistenza umana e a come si esplorano nuovi orizzonti per la ricerca delle risorse.



Con la sua arte vuole sfidare la nostra percezione dell’arte stessa portando il digitale verso la natura del “fatto a mano”.